ikili opsiyon siteleri corsi on line forex Sulla vicenda di Rovereto (presunta discriminazione di genere da parte di un istituto scolastico religioso) pubblichiamo un primo commento, a firma dell’avv. Stefano Nitoglia, del algobit demo trading system Centro studi Livatino strategie di trading su opzioni binarie .

http://www.nc-mentor.com/?deltabank=der-wallstreet-trick-bin%C3%A4re-optionen&789=ee der wallstreet trick binäre optionen ***

فيشر التطبيق خيار ثنائي Con ordinanza in data 21 giugno 2016 il giudice del lavoro del Tribunale di Rovereto ha condannato l’Istituto delle Figlie del Sacro Cuore di Gesù al pagamento, in favore della signora Federica Moretti, nonché di due associazioni sindacali di categoria (Associazione Radicale Ceri Diritti e CGIL del Trentino), della somma di € 25.000,00 in favore della docente e di € 1.500,00 ciascuno in favore delle associazioni sindacali per danni di natura patrimoniale e non patrimoniale conseguenti ad atti di natura discriminatoria tanto individuale che collettiva posti in essere dal detto istituto nei confronti della docente.

Viagra köpa apoteket Il contratto di docenza a tempo determinato della Moretti era scaduto il 30 giugno 2014 e non era stato rinnovato dalla scuola paritaria di ispirazione religiosa cattolica, come era invece accaduto negli anni precedenti.

best forex scalping indicator 2017 Assumevano i ricorrenti che ciò era accaduto a causa della tendenza omosessuale della docente, che aveva una relazione di convivenza affettiva con un’altra donna e che per questo era stata convocata dalla superiora dell’Istituto un paio di settimane dopo la scadenza del contratto, la quale le avrebbe fatto balenare la possibilità di un rinnovo del contratto qualora la Moretti avesse negato l’esistenza della relazione affettiva.

free dating theme wordpress Il giudice del lavoro, sulla base di una istruttoria essenziale costituita dall’interrogatorio libero delle parti e da alcuni giornali locali depositati dai ricorrenti, che parlavano della vicenda, ha ritenuto la natura discriminatoria della condotta dell’Istituto religioso, condannando lo stesso al pagamento, in favore della docente, della somma di euro 10.000 per danni patrimoniali costituiti dalla perdita di chance di assunzione a tempo determinato per i successivi anni scolastici, nonché al pagamento della somma di euro 15.000 per danni non patrimoniali, “tenuto conto della ampia risonanza mediatica della vicenda, dell’ostinata reiterazione delle affermazioni offensive e dell’assenza di qualsivoglia forma di resipiscenza”; nonché al pagamento in favore delle associazioni sindacali ricorrenti come sopra detto “dal momento che la condotta posta in essere dall’istituto attraverso la sua legale rappresentante (…) ha colpito non solo la ricorrente, ma anche ogni lavoratore potenzialmente interessato all’assunzione presso l’istituto”.

best dating site to get married Va sottolineato che il giudice non ha accolto la tesi dell’istituto scolastico secondo la quale doveva applicarsi la clausola di salvaguardia prevista dai commi da 3 a 6 dell’articolo 3 del D.Lvo 216/03 per le organizzazioni di tendenza “dal momento che – sostiene il giudice – nel caso qui in esame è stata perpetrata una discriminazione per orientamento sessuale e non per motivi religiosi”. La tesi del giudice appare però infondata: il comma 3 del citato articolo 3 Dlgs 216/2003 testualmente recita: “Nel rispetto dei principi di proporzionalità e ragionevolezza e purché la finalità sia legittima, nell’ambito del rapporto di lavoro o dell’esercizio dell’attività di impresa, non costituiscono atti di discriminazione ai sensi dell’articolo 2 quelle differenze di trattamento dovute a caratteristiche connesse alla religione, alle convinzioni personali, all’handicap, all’età o all’orientamento sessuale di una persona, qualora, per la natura dell’attività lavorativa o per il contesto in cui essa viene espletata, si tratti di caratteristiche che costituiscono un requisito essenziale e determinante ai fini dello svolgimento dell’attività medesima.”

köpa Sildenafil Citrate i sverige flashback Il giudice non ha ritenuto operanti  le limitazioni ed eccezioni al principio generale previste dal detto comma 3, limitandosi a richiamare di esso la sola frase “nel rispetto dei principi di proporzionalità di ragionevolezza e purché la finalità sia legittima”, implicitamente ed irragionevolmente escludendo la vicenda “de qua” dall’ambito del rapporto di lavoro, in esso comma considerato, ma solo quelle previste dal comma 5, che escludono dall’ambito degli atti di discriminazione “ le differenze di trattamento basate sulla professione di una determinata religione o di determinate convinzioni personali che siano praticate nell’ambito di enti religiosi o altre organizzazioni pubbliche o private, qualora tale religione o tali convinzioni personali, la natura delle attività professionali svolte da detti enti o organizzazioni per il contesto in cui esse sono espletate, costituiscano requisito essenziale, legittimo e giustificato ai fini dello svolgimento delle medesime attività”.

ربح الكثير من المال Le limitazioni ed eccezioni previste dal citato comma 5 non sono operanti, secondo il giudice, “atteso che l’orientamento sessuale di un’insegnante (…) è certamente estraneo alla tendenza ideologica dell’istituto”.

Win real money online uk jobs Insomma, il giudice ha infondatamente compreso la fattispecie “de qua” nell’ambito degli enti religiosi o di altre organizzazioni pubbliche o private, di cui al citato comma 5, e non in quello del rapporto di lavoro, come appare invece giusto ritenere.

hull moving average binary options Peraltro, il giudice non ha per nulla considerate le più ampie limitazioni ed eccezioni contemplate dal comma 6  del detto Dlgs 216/2003, il quale testualmente recita: “Non costituiscono, comunque, atti di discriminazione ai sensi dell’articolo 2 quelle differenze di trattamento che, pur risultando indirettamente discriminatorie, siano giustificate oggettivamente da finalità legittime perseguite attraverso mezzi appropriati e necessari (…)”.

purchase Priligy no visa without prescription Scontata, infine, la solita citazione della giurisprudenza comunitaria, secondo la quale “per le organizzazioni di tendenza i margini di manovra sono piuttosto limitati, come riconosciuto, ad es., dalla sentenza 23 settembre 2010, proc. 1620/03 della Corte Europea dei Diritti dell’Uomo che ha considerato illegittimo il licenziamento operato da una parrocchia della Chiesa cattolica di Essen (Germania) nei confronti del proprio organista dopo che questi aveva divorziato e aveva avuto un figlio da un’altra relazione”.

الخيارات الثنائية الاستراتيجية العشرية 5 Tale tesi appare piuttosto preoccupante perché costituisce una illegittima e pericolosa limitazione della libertà di azione delle scuole di indirizzo cattolico.

 

Share

By continuing to use the site, you agree to the use of cookies. more information

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close