Nel pomeriggio di sabato 12 maggio si è tenuta a Roma la manifestazione Mai più un altro Charlie Isaiah e Alfie!, organizzata da Steadfast onlus. Ecco l’intervento pronunciato nell’occasione da Alfredo Mantovano, vicepresidente del Centro studi Livatino, che ha aderito alla manifestazione.


Cari amici, nel secolo scorso l’Inghilterra e l’Europa hanno vissuto anni e decenni di tormento, di minaccia, di sopraffazione: quando i carri armati, le bombe, i muri e il filo spinato   dapprima hanno schiacciato il nostro Continente sotto la svastica nazista, poi hanno sottomesso i Paesi dell’Est sotto la bandiera rossa con la falce e il martello.
 Per un momento abbiamo pensato e sperato che il totalitarismo fosse morto col XX secolo. Apriamo gli occhi. Non è così.
 Certo, non ci sono più i lager e i gulag.  Ci sono però i reparti ivg, ci sono le cliniche della morte, ci sono gli ospedali che trattano i disabili, siano essi bambini o anziani, come scarti.   E come scarti li eliminano, perché rappresentano un peso e un costo.  Esattamente come facevano i nazisti. Esagero? Non c’è nessuna differenza? Le differenze esistono: al posto delle divise delle SS oggi ci sono i camici di medici assassini e le toghe di quei giudici che pronunciano sentenze di morte. Ma la sostanza è uguale.
 Non ci sono i carri armati. Ma guai a chi protesta! i poliziotti sono mandati non a prevenire il terrorismo, bensì a perquisire e a fare da scudo ai familiari di Alfie che volevano andarlo a trovare, o ad allontanare il sacerdote che assisteva i suoi genitori.
 E’ incredibile che tutto questo avvenga in Nazioni che hanno patito più di altre l’oppressione nazista o che hanno combattuto quella minaccia: come il Belgio e come  l’Olanda, dove grazie alle leggi di 15 anni fa i decessi per eutanasia sono arrivati ormai al 4% del totale; come l’Inghilterra, al cui interno si sono consumati le vicende di Charlie Gard e di Alfie Evans.
 In quella che per Londra è stata certamente l’ora più buia, quando in tanti volevano trattare la resa con Hitler, il momento di svolta è stato il discorso tenuto alla Camera dei Comuni da Winston Churchill, il 4 giugno 1940: da lì sono partite la resistenza, la lotta, e poi la vittoria. 
 Immaginiamo che in questo bel pomeriggio romano Churchill sia in mezzo a noi. Cambiando qualche parola, ci terrebbe più o meno questo discorso: 
 “Cari amici,
   resisteremo alla minaccia della tirannia, se necessario per anni, se necessario da soli.
 E’ la volontà di ogni donna e di ogni uomo dotati di buon senso e di ragione.
 E anche se ampi tratti dell’Europa e delle Americhe, anche se Nazioni antiche e importanti sono cadute o potranno cadere nella morsa del nuovo totalitarismo, noi non cederemo e non ci arrenderemo.
 Andremo fino in fondo, combatteremo.
  Combatteremo in Italia e in Europa,
  combatteremo nelle aule di giustizia e nei reparti degli ospedali, 
  combatteremo nelle università e nelle scuole, contro le distorsioni e i falsi insegnamenti, 
  combatteremo nelle redazioni dei giornali, nelle televisioni, sui social, romperemo la cappa di censura e di disinformazione che spaccia la morte per terapia,
  combatteremo nelle piazze e nelle strade, 
  combatteremo nei seminari e nelle facoltà teologiche, contro le quinte colonne che blaterano di accanimento terapeutico e non sanno di che cosa parlano,
  combatteremo ovunque ci sia il respiro di un uomo, anche se flebile, proprio perché è flebile e ha bisogno di aiuto.
 Non ci arrenderemo mai. E quand’anche Roma e la nostra amata Italia fossero soggiogate dalla nuova tirannia – la tirannia della morte imposta per legge o per sentenza – , noi continueremo la lotta. 
 Fino a quando – quando Dio vorrà – coloro che oggi patiscono persecuzioni in tanti Paesi dell’Asia e in Africa, quei Cristiani per i quali la fede non è una moda, con la loro testimonianza e con la loro forza ci daranno il coraggio per salvare e per liberare la nostra civiltà.” 
 Un Churchill redivivo oggi non direbbe questo? io penso di sì, ma comunque è quello che diciamo noi.
 Il vero accanimento oggi non è quello terapeutico, ma è quello per la morte. Il vero contrasto oggi non è fra chi invoca pietà (e per questo uccide) e chi viene accusato di non avere pietà perché sostiene le ragioni della vita: il contrasto è fra chi lascia l’individuo solo nelle mani di uno Stato nuovamente totalitario e chi sa che per vivere è necessaria la speranza, la speranza , specie nelle prove. 
 Quella speranza per tanti giorni ha avuto il respiro di un bambino di 23 mesi. 
 Abbiamo il dovere di ridare fiato a quella speranza per i tanti Alfie, Charlie, Isaiah che esigono il ns aiuto di civiltà! Questo è giusto fare, nei Parlamenti, nelle Corti, nelle Università. Questo, con l’aiuto di Dio, faremo!
Share

By continuing to use the site, you agree to the use of cookies. more information

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close