Pubblichiamo la sentenza n. 3416/2016 con la quale la Corte di Cassazione ha rigettato il ricorso proposto da Poste Italiane contro una sentenza della Corte d’Appello di Milano che aveva a sua volta confermato la sentenza del Tribunale di Milano, che aveva respinto la domanda di accertamento di Poste Italiane diretta a far dichiarare la legittimità delle sanzioni disciplinari della multa e della sospensione dal servizio e dalla retribuzione pari ad un giorno irrogate ad un dipendente che si era rifiutato di prestare la propria opera lavorativa durante il turno domenicale, adducendo quale motivo il diritto di dedicarsi, in tale giorno, all’esercizio del proprio culto, recuperando la giornata nel turno feriale settimanale.

Corte di Cassazione, sentenza 3416/2016 su lavoro domenicale, libertà religiosa ed esercizio del culto

Share

By continuing to use the site, you agree to the use of cookies. more information

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close