RICONOSCIMENTO DEI MATRIMONI OMOSESSUALI AVVENUTI ALL’ESTERO: INTERROGAZIONE DEI DEPUTATI GIGLI E SBERNA

RICONOSCIMENTO DEI MATRIMONI OMOSESSUALI AVVENUTI ALL’ESTERO: INTERROGAZIONE DEI DEPUTATI GIGLI E SBERNA

Pubblichiamo il testo dell’interrogazione a risposta scritta presentata dai deputati Gigli e Sberna – sia al Ministro dell’Interno che a quello della Giustizia – in merito al riconoscimento dei matrimoni omosessuali avvenuti all’estero da parte di alcuni Sindaci.

L’interrogazione punta a capire se i Ministri intendono rilevare l’illegittimità della condotta dei Sindaci coinvolti e quali iniziative intendono porre in essere per colmare il relativo vuoto normativo, seguendo il dettato dell’articolo 29 della Costituzione, tenendo conto anche del principio dalla sentenza della Corte Cost. n. 170 del 2014, dove si dichiara che il requisito essenziale del matrimonio è la «eterosessualità» della coppia.

Share
TRASCRIZIONE DEI MATRIMONI OMOSESSUALI: UN ATTO ILLEGITTIMO E ARBITRARIO DEL SINDACO DI BOLOGNA

TRASCRIZIONE DEI MATRIMONI OMOSESSUALI: UN ATTO ILLEGITTIMO E ARBITRARIO DEL SINDACO DI BOLOGNA

Con il provvedimento che pubblichiamo il Sindaco di Bologna Virginio Merola ha disposto la trascrizione agli atti dello stato civile della sua città dei matrimoni contratti all’estero fra persone dello stesso sesso, residenti nel territorio comunale. Si tratta di un atto nel contempo illegittimo e arbitrario. Nel suo stesso provvedimento, infatti, il sindaco di Bologna riconosce: a) che esso interviene su diritti aventi fondamento costituzionale, la cui tutela, interpretazione e applicazione compete al Parlamento e all’autorità giudiziaria, non certamente a un ente locale, soprattutto quando la questione è controversa; b) che la Corte di Cassazione, alla cui giurisprudenza pure dice di ispirarsi (cf. in particolare sez. I civ., 4184/2012), ha rigettato “il ricorso promosso avverso i provvedimenti giurisdizionali di merito che avevano sancito la legittimità del rifiuto dell’Ufficiale di Stato civile di trascrivere un matrimonio celebrato all’estero da due cittadini omosessuali”, con ciò confermando l’illegittimità di delibere come quella del sindaco; c) che la Cassazione ha ribadito la “riserva assoluta di legge, a livello nazionale, relativamente all’introduzione nell’ordinamento nazionale del matrimonio tra persone dello stesso sesso”, con ciò confermando l’arbitrarietà di delibere come quella del sindaco.

http://www.comune.bologna.it/sites/default/files/documenti/Disposizioni%20del%20Sindaco%20su%20trascrizione%20matrimoni%20omosessuali.pdf

 

Share
SENTENZA DELLA CASSAZIONE SULL’EFFICACIA DELL’ANNULLAMENTO CANONICO

SENTENZA DELLA CASSAZIONE SULL’EFFICACIA DELL’ANNULLAMENTO CANONICO

Come annunciato ieri, pubblichiamo due commenti alla sentenza delle Sezioni unite civili della Corte di cassazione n. 16380, depositata il 17 luglio 2014, a proposito della efficacia dell’annullamento del matrimonio canonico nell’ordinamento civile italiano. Si tratta di una intervista a Tempi.it dell’avv. Giancarlo Cerrelli, segretario di Sì alla famiglia e vice-presidente dell’UGCI, e di una nota predisposta in esclusiva per SìJus dall’avv. Stefano Nitoglia, del foro di Roma. (altro…)

Share
Perché la sentenza della Cassazione che ignora la nullità del matrimonio sancita dalla Chiesa è «funzionale alla ridefinizione della famiglia»

Perché la sentenza della Cassazione che ignora la nullità del matrimonio sancita dalla Chiesa è «funzionale alla ridefinizione della famiglia»

Come annunciato ieri, pubblichiamo due commenti alla sentenza delle Sezioni unite civili della Corte di cassazione n. 16380, depositata il 17 luglio 2014, a proposito della efficacia dell’annullamento del matrimonio canonico nell’ordinamento civile italiano. Si tratta di una intervista a Tempi.it dell’avv. Giancarlo Cerrelli, segretario di Sì alla famiglia e vice-presidente dell’UGCI, e di una nota predisposta in esclusiva per SìJus dall’avv. Stefano Nitoglia, del foro di Roma. (altro…)

Share