centro livatino logoCENTRO STUDI ROSARIO LIVATINO

IN EVIDENZA

Il Centro studi Livatino contro l’eutanasia e l’aiuto al suicidio

Il Centro studi Livatino contro l’eutanasia e l’aiuto al suicidio

Nella giornata di ieri, 18 luglio, nella Sala stampa della Camera dei Deputati si è tenuto, su iniziativa dell’Osservatorio Vera Lex coordinato dall’on. Domenico Menorello, una conferenza stampa dal titolo Avviare il countdown, contro l’eutanasia per sentenza, cui...

Il naufragio delle paranze

Il naufragio delle paranze

di Domenico Airoma (in esclusiva per questo sito *) Le paranze dei camorristi bambini sciamano rumorose per i vicoli di Napoli. Sotto l’effetto di sostanze stupefacenti, ebbri di potere effimero, i baby boss vanno consapevoli verso l’inevitabile naufragio. Scene da...

ULTIMI ARTICOLI

Il dito della prescrizione e la luna della discrezionalità

Il dito della prescrizione e la luna della discrezionalità

Di Alfredo Mantovano  da Tempi, gennaio 2020, pag. 36  La prescrizione è una sconfitta per lo Stato. Costituisce una obiettiva sconfitta per lo Stato arrivare a sentenza definitiva un decennio e più dopo la consumazione di reati che hanno provocato danni ingenti alle...

Il "diritto" di essere uccisi: verso la morte del diritto?

copertina libro a cura di Mauro Ronco sul suicidio assistito

L-jus, la nuova rivista on line del Centro Studi Livatino

l

Ipse dixit

Dal Messaggio del Santo Padre Francesco per la XXVIII Giornata mondiale del malato (11 febbraio 2020)

 
  () Cari operatori sanitari, ogni intervento diagnostico, preventivo, terapeutico, di ricerca, cura e riabilitazione è rivolto alla persona malata, dove il sostantivo “persona”, viene sempre prima dell’aggettivo “malata”. Pertanto, il vostro agire sia costantemente proteso alla dignità e alla vita della persona, senza alcun cedimento ad atti di natura eutanasica, di suicidio assistito o soppressione della vita, nemmeno quando lo stato della malattia è irreversibile. 

Nell’esperienza del limite e del possibile fallimento anche della scienza medica di fronte a casi clinici sempre più problematici e a diagnosi infauste, siete chiamati ad aprirvi alla dimensione trascendente, che può offrirvi il senso pieno della vostra professione. Ricordiamo che la vita è sacra e appartiene a Dio, pertanto è inviolabile e indisponibile (cfr Istr. Donum vitae, 5; Enc. Evangelium vitae, 29-53). La vita va accolta, tutelata, rispettata e servita dal suo nascere al suo morire: lo richiedono contemporaneamente sia la ragione sia la fede in Dio autore della vita. In certi casi, l’obiezione di coscienza è per voi la scelta necessaria per rimanere coerenti a questo “sì” alla vita e alla persona. In ogni caso, la vostra professionalità, animata dalla carità cristiana, sarà il migliore servizio al vero diritto umano, quello alla vita. Quando non potrete guarire, potrete sempre curare con gesti e procedure che diano ristoro e sollievo al malato. (…)

Dal Vaticano, 3 gennaio 2020

SEGUICI SUI SOCIAL

Sostieni il Centro Studi Livatino

PROSSIMI APPUNTAMENTI

PRESENTAZIONE DEL LIBRO “IL ‘DIRITTO’ DI ESSERE UCCISI“. ROMA, 25 GIUGNO SALA S. MARIA AQUIRO

MATERIALI AUDIO E VIDEO

PER RICEVERE LA NOSTRA NEWSLETTER

Sostieni il Centro Studi Livatino

Share