Non sempre la giurisprudenza riserva sorprese negative. Pubblichiamo due importanti e recenti sentenze, entrambe del Tribunale per i Minorenni di Milano: con la prima, la n. 261 depositata il 17 ottobre 2016, il TM rigetta una domanda incrociata di adozione ex art. 44 lett. d) della L. 184/1983 proposta, in relazione alla figlia biologica di ciascuna di esse, da due conviventi dello stesso sesso. E’ una pronuncia – dalla motivazione articolata e approfondita – che, confrontandosi con decisioni della Corte EDU, oltre che della Cassazione, si pone in una prospettiva opposta al filone avviato dal Tribunale per i Minorenni di Roma, confermato dalla Corte di appello della Capitale, e quindi dal Giudice di legittimità: e lo fa dimostrando in modo chiaro e consequenziale che le conclusioni cui è pervenuto il TM Roma sono tutt’altro che obbligate.

La seconda sentenza, n. 268 depositata il 20 ottobre 2016, spiega perché l’art. 44 lett. B) della L. 184/1983 non è incostituzionale nella parte in cui non consente l’adozione anche al convivente del genitore (biologico o adottivo) del minore. 

By continuing to use the site, you agree to the use of cookies. more information

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close