fbpx
Cassazione: quando dirottare una nave è ‘legittima difesa’

Cassazione: quando dirottare una nave è ‘legittima difesa’

Il presidente emerito di sezione della Cassazione Pietro Dubolino spiega perché sono assai discutibili le ragioni con le quali la Suprema Corte (sentenza 6^ sez. pen. n. 15869/2022 del 16/12/2021 dep. 26/04/2022) ha assolto un gruppo di migranti che avevano usato minaccia e violenza agli ufficiali di una nave italiana per costringerli a far rotta verso le coste italiane, mentre invece erano stati indirizzati in Libia dalle autorità italiane. Si va verso l’affermazione di un ‘diritto penale dell’immigrazione’, con regole differenti rispetto a quelle contenute nei codici?


(altro…)

Share
Quando ‘Cesare’ indossa la toga e detta regole a quel che non gli è dato

Quando ‘Cesare’ indossa la toga e detta regole a quel che non gli è dato

Con l’avv. Paolo Maci, professore a contratto di legislazione scolastica a UniPegaso, proseguiamo la riflessione iniziata ieri (cf. https://www.centrostudilivatino.it/se-la-magistratura-italiana-entra-pure-in-quel-che-compete-alla-chiesa/) sulla sentenza delle Sez. Unite civili della Corte di Cassazione n. 12442/2022, e quindi sulla vicenda che ha interessato la Pontificia Università Lateranense: al di là del caso specifico, preoccupa lo sconfinamento della magistratura e la mancata percezione del venir meno di spazi di autonomia per la Chiesa, tutelati dall’accordo concordatario. 

(altro…)
Share
Se la magistratura italiana entra pure in quel che compete alla Chiesa

Se la magistratura italiana entra pure in quel che compete alla Chiesa

Nico Tonti, dottorando di ricerca in Scienze giuridiche all’Università di Bologna, svolge considerazioni a margine della recente sentenza delle Sezioni unite civili della Corte di Cassazione n. 12442/2022, riguardante la mancata ammissione di uno studente al ciclo dottorale attivato alla PUL-Pontificia Università Lateranense. La controversia ruota attorno alla estensione della categoria ‘enti centrali’ della Chiesa cattolica, e necessita non già di un dato unilaterale dello Stato italiano, come una pronuncia giudiziaria, bensì di un approccio pattizio, per evitare l’assai discutibile ingerenza dello Stato italiano in vicende di esclusiva pertinenza ecclesiale.

(altro…)
Share
La Cassazione sull’“inchino” nelle processioni davanti alle abitazioni dei boss

La Cassazione sull’“inchino” nelle processioni davanti alle abitazioni dei boss

Una recente pronuncia della 3^ sez. pen. della Corte Suprema, nel confermare la condanna per violazione dell’art. 405 cod. pen. a carico del ‘capo-vara’ di una processione, fermata per un ‘inchino’ di fronte all’abitazione di Riina-Bagarella a Corleone, rafforza la tutela del sentimento religioso da odiose strumentalizzazioni, funzionali al consolidamento del consenso mafioso.

(altro…)
Share
Quell’inchino al mafioso duro a morire

Quell’inchino al mafioso duro a morire

La Corte di Cassazione (3^ sez. pen. ud. 15/10/2021 R.G. 8762/2021 ric. L. Grizzaffi) ribadisce che la sosta del fercolo del Santo in corrispondenza dell’abitazione della famiglia di un capo di Cosa Nostra costituisce turbamento della funzione religiosa. Ma la questione irrisolta rimane quella dell’inchino sociale.

(altro…)
Share
Ancora su Cassazione e Crocifisso, fra laicità e reasonable accomodation.

Ancora su Cassazione e Crocifisso, fra laicità e reasonable accomodation.

Da una prima lettura della sentenza 9 settembre 2021, n. 24414 delle Sezioni unite civili della Cassazione, sull’esposizione del crocifisso nelle scuole, emergono luci e ombre, le cui ricadute pratiche saranno tutte da verificare.

Prosegue la riflessione avviata il giorno stesso della pubblicazione (https://www.centrostudilivatino.it/cassazione-sul-crocifisso-nessun-divieto-di-affissione-ma-adesso-necessario-lintervento-del-parlamento/), proseguita con gli interventi dell’avv. Angelo Salvi (https://www.centrostudilivatino.it/sezioni-unite-e-crocifisso-perplessita-sulla-regola-del-caso-per-caso/) e del presidente emerito di Cassazione Piero Dubolino (https://www.centrostudilivatino.it/sezioni-unite-e-crocifisso-perche-il-ragionevole-accomodamento-non-convince/), con l’intervento del dott. Manuel Ganarin, ricercatore di Diritto ecclesiastico e canonico all’Alma Mater Studiorum Università degli Studi di Bologna.

(altro…)
Share
Sezioni Unite e Crocifisso: perché il “ragionevole accomodamento” non convince

Sezioni Unite e Crocifisso: perché il “ragionevole accomodamento” non convince

Con l’intervento del presidente emerito di sezione della Cassazione Pietro Dubolino prosegue la riflessione sulla la sentenza n. 24414/2021 delle Sezioni Unite civili sul crocifisso: una riflessione avviata il giorno stesso della pubblicazione (https://www.centrostudilivatino.it/cassazione-sul-crocifisso-nessun-divieto-di-affissione-ma-adesso-necessario-lintervento-del-parlamento/) e proseguita ieri con l’intervento dell’avv. Angelo Salvi (https://www.centrostudilivatino.it/sezioni-unite-e-crocifisso-perplessita-sulla-regola-del-caso-per-caso/). Nel rilevare le aporie della pronuncia e il suo tratto ancora una volta ‘creativo’ della norma, l’Autore ne sottolinea la difficoltà di concreta applicazione, per le incertezze da essa derivanti.

(altro…)
Share
Sezioni Unite e Crocifisso: perplessità sulla regola del caso per caso

Sezioni Unite e Crocifisso: perplessità sulla regola del caso per caso

Con la sentenza n. 24414 del 9 settembre 2021 le Sezioni Unite della Corte di Cassazione hanno risolto la questione di massima di particolare importanza loro rimessa dalla Sezione Lavoro con una decisione di indubbio interesse, che in tema di libertà di religione in uno spazio pubblico qualificato, quale l’aula scolastica, indica come metodo di approccio alla controversia la via della soluzione mite, del passo di ciascuno in direzione dell’altro, e affida alla valutazione dei singoli istituti scolastici la decisione sulle diverse istanze di studenti e docenti, in una prospettiva di “ragionevole accomodamento” dagli incerti confini. Nel commento che segue una prima analisi della sentenza e dei principi di diritto in essa enucleati, dopo il primissimo commento il giorno della pubblicazione (https://www.centrostudilivatino.it/cassazione-sul-crocifisso-nessun-divieto-di-affissione-ma-adesso-necessario-lintervento-del-parlamento/).

(altro…)
Share
Sezioni Unite e Crocifisso: perché il “ragionevole accomodamento” non convince

3- Il Crocifisso davanti alle Sezioni Unite. Il mito della neutralità

Domani, 6 luglio, le Sezioni unite civili della Corte di Cassazione sono chiamate a pronunciarsi sulla esposizione del Crocifisso nei luoghi pubblici. La vicenda trae origine da un docente che nelle ore d’insegnamento aveva rimosso il Crocifisso, in contrasto con la volontà degli studenti, che in maggioranza si erano espressi a favore della sua collocazione nell’aula, e disapplicando un provvedimento del Preside: per il suo comportamento, in conflitto anche col preside, al docente era stata irrogata la sospensione di 30 giorni dalle funzioni, sanzione ritenuta legittima in entrambi i gradi di merito. Giunta la questione alla Suprema Corte, la Sezione lavoro ha richiesto una decisione in merito delle Sezioni unite. Sul punto su questo sito https://www.centrostudilivatino.it/crocifisso-ancora-nel-mirino-la-parola-e-alla-cassazione/; https://www.centrostudilivatino.it/crocifisso-fuori-dalle-scuole-la-questione-alle-sezioni-unite/; https://www.centrostudilivatino.it/il-crocifisso-al-vaglio-delle-sezioni-unite-della-cassazione/ .

(altro…)
Share