centro livatino logoCENTRO STUDI ROSARIO LIVATINO

 

ULTIMI ARTICOLI

Figlie di due uomini? La sentenza è in contrasto con la legge

Pubblichiamo, in esclusiva per questo sito, una nota consigliere Giuseppe Marra, quale primo commento critico dell’Ordinanza del 15 novembre scorso, con la quale il Tribunale di Milano ha disposto la trascrizione nei registri dello Stato civile del Comune di due...

Rapporto biennale sulla libertà religiosa nel mondo: una sintesi.

Pubblichiamo una sintesi del Rapporto biennale sulla libertà religiosa nel mondo, presentato il 22 novembre nella sede dell’Ambasciata italiana presso la S. Sede. Elementi di dettaglio, con la consultazione delle schede per i singoli Stati, possono essere ricavati...

 IN EVIDENZA

Si può diventare santo facendo il giudice?

Si può diventare santo facendo il giudice?

3 ottobre 2018: conclusione del processo diocesano di beatificazione del servo di Dio Rosario Angelo Livatino di Domenico Airoma* Si può diventare santo facendo il giudice? Rosario Livatino ha dimostrato che è possibile: oggi, 3 ottobre, l’iter della sua...

L-jus, la nuova rivista on line del Centro Studi Livatino

copertina rivista l-jus

IMMAGINI DEL CONVEGNO SU LA TUTELA DELLA VITA NELL’ORDINAMENTO GIURIDICO ITALIANO

l

Ipse dixit

papa francesco

da L’Osservatore Romano, domenica 4 novembre 2018

In silenzio nel giardino degli angeli

Piccole girandole che ruotano al vento, orsacchiotti e pupazzetti colorati a fare capolino fra i mazzolini di fiori: sono i particolari struggenti delle tombe dell’angolo più amato del cimitero Laurentino a Roma, quello dedicato ai bambini e in particolare ai bambini non nati. Lo chiamano il “giardino degli angeli”, custodito al suo ingresso dalle statue di due angioletti. Qui, nel pomeriggio di venerdì 2 novembre, si è fermato Papa Francesco, in un momento di intensa e commovente preghiera silenziosa, prima di celebrare la messa nel giorno della commemorazione di tutti i fedeli defunti.

Giunto intorno alle 15.40 nel cimitero che sorge nel cuore dell’agro romano, a Trigoria, il Pontefice è stato accolto da monsignor Leonardo Sapienza, reggente della Prefettura della Casa pontificia, e ha attraversato da solo il prato, soffermandosi tra le croci e le lapidi, deponendo due mazzi di rose bianche. Poi, dopo aver lasciato un omaggio floreale anche davanti alle sepolture poste sull’altro lato del viottolo, si è intrattenuto qualche istante con alcuni genitori, anche loro giunti per pregare sulle tombe dei loro figli. Il Papa ha poi raggiunto la cappella del Gesù Risorto, davanti alla quale era stato allestito l’altare (…).

SEGUICI SUI SOCIAL

Sostieni il Centro Studi Livatino!

PROSSIMI APPUNTAMENTI

MATERIALI AUDIO E VIDEO

PER RICEVERE LA NOSTRA NEWSLETTER

Sostieni il Centro Studi Livatino

Share