Riportiamo di seguito la lettera scritta al Corriere della Sera dall’avvocato Giancarlo Cerrelli

Share